Articolo nel Messaggero: Cinque persone bloccate in ascensore

Articolo nel „Messaggero di Oggi“

 

 

Cinque persone bloccate in ascensore

 

Cittàche non c´è

  1. Luglio

 

Venerdí mattina cinque cittadini della città che non c´è sono diventati vitime della trascurratezza dell‘ amministrazio- ne comunale. Il mattino presto, cinque persone- un architetto, la padrona di un ristorante conosciuto, un avvocato, un commerciante e la figlia della sindaca sono state bloccate nell‘ascensore del municipio per più di un‘ora! „L´ascensore si è fermato all‘ improvviso tra il primo e il secondo piano“, ha racontato l´avvocato dopo essere stato liberato. Anche se hanno premuto il pulsante di allarme non era sucesso niente.  Normalmente il portinaio controlla la spia dell‘ alarme dalla sua scrivania, ma proprio questo mattino lui era fuori casa per sbrigare delle faccende. Così nessuno si era accorto della situazione drammatica. I rinchiusi hanno provato ad attirare l’attenzione con grida e colpi alla porta dell‘ ascensore. Il problema era, che nell‘ ascensore non c´era ricezione e cosí era impossibile di telefonare per chiedere aiuto. Dopo una mezz´ora ilportinaio Stefano B. era rientrato al suo posto e si era accorto della situazione. Subito aveva informato la sindaca. Insieme hanno cercato ilcustode, un idraulico che lavora ad orario ridotto nel municipio. Ma lui non era nella sua officina, né raggiungibile al telefonino. Finalmente Stefano B. aveva chiamato i pompieri e il pronto soccorso. Meno male i pompieri erano stati capaci di liberare i rinchiusi. La padrona del ristorante aveva perso i sensi a causa della mancanza di aria. Tutti gli altri erano in condizioni abbastanza buone. Le indagini dei pompieri hanno scoperto, che la revisione annuale dell‘ ascensore non era stata fatta per più di tre anni! Cosí un difetto elettrico aveva causato l´incidente. Confrontata con questo, la sindaca cercava delle spiegazioni. „Il comune è rotto“, dice lei. Una misera scusa. Secondo informazioni esclusive del „Messaggero“ esiste un video che mostra come ilcustode, che era responsabile della manutenzione dell‘ ascensore, aveva timbrato il cartellino, ma invece di lavorare, era andato alla spiagga. Il „Messaggero“  è in possesso del video che prova questo fatto incredibile. In tutta l´Italia sono stati rivelati casi simili. È uno scandalo enorme. Dal sud al nord impiegati comunali incassano soldi senza lavorare. Per caso è venuto fuori che il nostro comune non è meglio degli altri. La domanda è: cosa nasconde la sindaca e cosa sapeva della miseria nel suo municipio.

 

 

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.