In una cascina – i pronomi combinati

IN UNA CASCINA

combi

 

 

 

 

 

 

 

Ed ecco Marisa e Giorgio in macchina dopo essersi lasciati la città alle spalle.

Marisa: Non mi sembra neanche vero!

Giorgio: Che cosa?

Marisa: Di trascorrere un paio di giorni con te. Quante volte ne abbiamo già parlato o meglio: quante volte te l’ho già proposto di fare una gita.
Giorgio: Hai ragione, ma sai com’è: con tutte le cose che ho da fare; eh sí, la vita frenetica della città: non si fa altro che correre da un posto all’altro, da un impegno all’altro.
Marisa: Sì, ti capisco, ma è anche importante dedicare tempo a noi stessi, al nostro rapporto.                                                                                                                                   Giorgio: Certo, e con piacere…

Anche se hanno qualche battibecco, in fondo, sono tutti e due contenti di essere insieme e così non si accorgono neanche dei cento chilometri che fanno per arrivare alla meta della loro gita. «Sentono gli uccelli cinguettare»: hanno già detto molte persone per definire la sensazione in cui si trova la coppietta. Ma sicuramente non è il caso di continuare a descrivervi il loro stato d’animo: chi di voi non lo conosce? !Da li a poco imboccano lo stradone polveroso che porta alla cascina di Alessandra. Quest’ultima è una cara amica di Marisa e al loro arrivo è già li davanti alla porta di casa e li accoglie a braccia aperte. Abbracci e bacioni e complimenti a non finire:

Marisa: Ciao, Alessandra, (smack) sei magnifica (altro bacione smack)!
Alessandra: Che piacere vederti (smack)!
Marisa: Hai un aspetto molto rilassato (e ancora smack)!
Alessandra: Anch’io ti trovo molto bene (e rismack)!
E presentazioni:                                                                                                                        Marisa: Lui è Giorgio.                                                                                                            Alessandra: Mi fa molto piacere conoscerti. Marisa mi ha parlato molto di te.
Giorgio: Anche a me.. .mi sembra di conoscerti molto bene.
Alessandra: Ma venite, accomodatevi! Volete bere un bicchiere di vino? È una produzione nostra! Del nostro vigneto. E così dicendo fa un ampio gesto con il braccio per indicare il vigneto che c’è accanto alla cascina.                                                                                                                               Alessandra: Adesso sono sola: Giovanni è andato, con Marco, nostro figlio, in paese, perché oggi è giorno di mercato.
Marisa: Ma che bella casa che hai; dai racconta come te la passi.
Alessandra: Sì, certo, ma intanto sediamoci. Bene, sto molto bene;Marco è diventato un diavoletto: non sta fermo un attimo!
Giorgio: È da molto che abitate qui?
Alessandra: Da tre anni. Quando ce l’hanno fatta vedere per la prima volta, era in condizioni disastrose…ma ci è piaciuta subito,molto!
Giorgio: Questo vino è buonissimo, me ne verso un altro bicchiere.
Marisa: Si è proprio buono… comincio a sentirmi un po‘ sbronza.

Beantworten Sie bitte folgende Fragen:

  1. Perché Giorgio ha poco tempo da dedicare al rapporto con Marisa?
  2. Com‘ è il loro stato d’animo mentre sono in macchina?
  3. Giorgio ed Alessandra si conoscono?
  4. In che condizioni era la cascina all’inizio?

 

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.